La Depressione in Astrologia

LA DEPRESSIONE..

La depressione è sicuramente la malattia psicologica del secolo, esattamente come l’isteria fu quella che caratterizzò l’ottocento. La depressione può essere esterna o interna.

Quella esterna, è generalmente passeggera, ed è data da un evento scatenante, ove la reazione depressiva è abbastanza naturale: un lutto, una malattia, una perdita grave, un licenziamento, ecc.

Quella interna è più profonda, perché segna in modo definitivo il soggetto, che sente il male di vivere in modo costante, per tutta la vita.

Per quanto riguarda la depressione esterna, questa è, in genere, identificata con un transito di Saturno. Se il transito riguarda una casa molto occupata da pianeti, Se il transito riguarda uno stellium, e per giunta la casa in cui è posizionato il Sole di nascita, le probabilità aumentano (ad esempio quest’anno Saturno transita sul Capricorno; se la persona del Capricorno ha anche in quel segno una casa affollata di pianeti, la probabilità di depressione aumenta ulteriormente).

Le malattie secolari, rappresentano a grandi livelli i problemi di una intera società e chiedono ad ogni individuo di fare la propria parte per eliminare le cause che producono le problematiche. E’ ovvio che in questi casi, non ci riferiamo alle depressioni specifiche che possono essere legate a lutti, a separazioni o a fatti comunque dolorosi
accaduti ad un certo punto della vita che trovano motivazioni potenti, ma intendiamo riferci a quel malessere di vivere che accompagna molte persone e che originano quasi sempre nell’adolescenza, restando poi latenti all’interno della psiche fino a quando, un fatto specifico o una crisi particolare lo farà rieplodere, magari in modo virulento.

Se poi la casa interessata è la prima, o la dodicesima, o la ottava, le probabilità aumentano ulteriormente. che la depressione si può innestare solamente su alcune tipologie caratteriali ed è su quelle che, ad un certo punto, sembra innescarsi un fuoco per autocombustione e un fatto accertato . C’è un fatto molto importante che ha indicato la psicosomatica: nei depressi vi è sempre una “enorme potenzialità creativa” che non trova modalità di espressione nel modello di vita che conducono. La particolare posizione di Saturno, che, se piazzato in casa 12, o in casa 1, o ai 4 angoli (mediocielo, ascendente, discendente, nadir), favorisce uno stato depressivo permanente (ovviamente non basta questa semplice posizione, Tuttavia un Saturno in queste posizioni (ma talvolta anche la Luna) è un buon indizio di depressione; o, perlomeno, favorisce stati pessimistici frequenti.

Ovvviamente dal punto di vista astrologico, intendo riferirmi a quella parte fondamentale di creatività – quella che simbolicamente mettiamo nella casa 5a – che rappresenta ciò che ci può ri-creare, che può farci scoprire il nostro desiderio di vivere e di condividere con l’Universo il potenziale di creare, è la casa in cui mettiamo anche la sessualità, la riproduzione, la pulsione vitale che ci porta a esprimere all’esterno ciò, quindi se abbiamo un saturno ahime!! non siamo l’allegria in persona..

Un’opposizione tra due pianeti lenti, o tra uno lento e uno veloce, o tra la Luna e il Sole. Ovvio che, per capire la potenza di questa opposizione, occorre determinare il segno entro cui il pianeta è collocato (l’opposizione infatti sarà molto potente se cade in due segni ove i pianeti coinvolti sono in esaltazione o domicilio), e la casa coinvolta (un’opposizione Saturno – Sole in casa 12 può paralizzare completamente la persona , perché cade proprio nell’inconscio; se invece è in casa 2 provocherà danni minori).

Nei depressi questa parte sembra essere stata “soppressa”. generalmente si tratta di persone che, nel tema natale hanno questa enorme potenzialità, però nella loro vita non vi è rimasta traccia. Sono persone che ad un certo punto della loro storia hanno instaurato una modalità “regressiva” di funzionamento anziche’ una “creativa e progressiva”. L’opposizione tra due pianeti crea una sorta di blocco permanente nella vita , che viene percepito come un peso, come qualcosa che, nonostante qualunque sforzo si faccia, nulla va come vorrebbe

Non tutte le opposizioni creano blocchi permanenti nella vita del soggetto, ma solo quelle tra i pianeti lenti.

I blocchi più comuni e paralizzanti sono:

Opposizione Giove – Saturno
Opposizione Saturno – Sole
Opposizione Saturno – Luna

Questi vengono percepiti dal soggetto come un vero e proprio blocco vitale. Come un “male di vivere”. Se il blocco poi è doppio, l’effetto è ovviamente molto più pesante e paralizzante. Per blocco doppio alludo a Saturno opposto a una congiunzione Sole/Luna o Giove/Sole, o Giove/Sole/Luna, ecc.

Ogni pianeta in transito, che ha un suo ciclo preciso di congiunzione e opposizione rispetto ai pianeti radicali, è come se raddoppiasse la sua forza ad ogni passaggio; se poi, oltre all’opposizione, esiste una doppia congiunzione (ad esempio Saturno opposto a Luna e Sole), la potenza del passaggio è tripla..

Questo è il malessere diffuso e, così, quando il male diventa collettivo, ci sono persone che sembrano “incaricarsi” di manifestarlo, di portarlo in superficie, per farlo conoscere a tutti, in modo da attivare reazioni che portino alla soluzione. Anche in questo noi vediamo la perfezione del sistema psichico che in ogni modo cerca una “possibile soluzione”, nel caso, facendo emergere il sintomo, chiede disperatamente aiuto.

✡️I VARI BLOCCHI DEPRESSIVI

✔️Asse 12/6 Un blocco della casa 12, è un blocco dell’inconscio, che si riflette anche sulla 6 (salute e lavoro). Come dire che è bloccata tutta la vita del soggetto.

✔️Asse 1/7 Se è bloccata la casa 1, della personalità, è bloccata anche la 7, quella del matrimonio. Qui vale lo stesso discorso fatto per il blocco precedente: bloccare personalità e matrimonio, equivale a bloccare quasi tutta la vita della persona.

✔️Asse 2/8 Il blocco della casa 2 è collegato al blocco della casa 8: si bloccano le entrate di denaro (casa 2), quindi avrà sempre difficoltà in quel settore, ma le difficoltà si rifletteranno anche nella ottava, ovvero la ricerca spirituale, nel trovare il senso della vita, ecc.

✔️Asse 3/9 Idem per il blocco della casa 3, che coinvolge anche la 9, cioè sarà bloccata la comunicazione del soggetto; costui magari avrà difficoltà ad esternare ciò che prova e che sa, ma avrà anche difficoltà nei viaggi, negli spostamenti, nei trasferimenti di sede. Anche un blocco del genere paralizza tutta la vita del soggetto.

✔️Asse 4/10 Un blocco alla casa 4 (casa familiare, affetti e radici) coinvolge la 10 (successo professionale).

✔️Asse 5/11 Un blocco alla casa 5 casa dello svago coinvolge la 11 amicizie

✡️POSSIBILI SBLOCCHI

✔️Asse 12/6 Uno Astrologo direbbe: sblocca l’inconscio, vedrai che sbloccherai anche salute e lavoro, quindi un lavoro interno di consapevolezza (e viceversa).

✔️Asse 1/7 un Astrologo collegherebbe la personalità disturbata del soggetto (la casa 1) con i disturbi nella vita di coppia e matrimoniale del soggetto (la casa 7). E direbbe che, sbloccando l’uno, si sblocca anche l’altro.

✔️Asse 2/8 Un Astrologo collegherebbe la parte materiale e spirituale del soggetto, sbloccando entrambe (la materia è sempre collegata allo spirito, e l’una è lo specchio dell’altro). Si noti anche il collegamento tra la legge di attrazione (che in fondo è un cambiamento di percezione del soggetto.

✔️Asse 3/9 un astrologo fa un collegamento tra i due settori, a livello psicologico e spirituale, è evidente, quindi yoga, meditazione, migliorare la comunicazione.

✔️Asse 4/10 Un astrologo , non a caso, ricollega sempre il successo professionale con i problemi familiari; e spesso, in psicoterapia, facendo un lavoro terapeutico sulle proprie origini, migliora la vita professionale del soggetto.

✔️Asse 5/11 Un astrologo , fa si che stimoli la parte più innocente del soggetto; e spesso, in psicoterapia, facendo un lavoro terapeutico sulle proprio io, migliorando la vita e la percezione di se stessi.

Come rimuovere questi blocchi?

Per la maggior parte di essi un lavoro di tipo psicoterapeutico può essere sufficiente.

Esistono inoltre particolari meditazioni, in cui il tema natale viene usato come mandala, e la meditazione viene effettuata sul proprio tema natale per integrare nell’inconscio quelle parti di lui che vengono rifiutate. ma quando i blocchi però sono più di uno, e si intrecciano a vicenda, la via spirituale (quale che essa sia, purché sia vissuta dal soggetto con consapevolezza e si adatti alle sue caratteristiche personali) è l’unica possibile.

Le opposizioni, quindi, non sono “problemi”; sono opportunità grandissime, o problemi grandissimi, e sta sempre a noi la scelta di come gestirli.

Copyright®AstroGenesi 2020

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...